Zucca Tango Festival di Milano è stato un evento dedicato agli appassionati del tango argentino che a cavallo della notte di Halloween hanno potuto rivivere intense emozioni al ritmo sinuoso di questo ballo.

L’International Zucca Tango Festival è stato un evento molto importante, come quello del Tango Meeting Roma di Tango Roma  Tangoinprogress e tra zucche e tango ha anche regalato ai partecipanti anche tanto divertimento.

Per la sua terza edizione il festival ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano e del consolato argentino, ma ha abbracciato anche la solidarietà e ha collaborato con Emergency e col progetto Sballando Ballando.

Per quattro giorni e quattro notti ha visto un susseguirsi di artisti internazionali, milonghe, lezioni gratuite, cinema, mostre arte, workshop e tanto intrattenimento.

zucca_tango_festival

zucca_tango_festival

Una delle importanti novità dell’edizione 2013 è stato l’evento collaterale presso il Museo Interattivo del Cinema, una rassegna cinematografica dedicata a Zucca Tango Festival, che ha rappresentato un vero e proprio anteprima del festival.

Quando si è svolto Il Festival del Tango

La terza edizione del Tango Zucca Festival si è svolta dal 31 ottobre a domenica 3 novembre 2013 in una delle location eventi più prestigiose di Milano, la Fabbrica del Vapore.

L’evento è partito con un appuntamento gratuito denominato Tangobar, durante il quale si è tenuto un aperitivo con concerto di Solo Tango Orquesta e Dúo Fuertes Varnerín dedicato a Osvaldo Pugliese e Astor Piazzolla e ha proseguito con l’esibizione di maestri internazionali e spettacolo di folclore argentino.

Durante le maratone si sono esibiti artisti Ruben e Sabrina Veliz, Rodrigo Palacios e Agustina Bernstein, Claudio Gonzalez e Melina Brufman.

Le danze della notte di Halloween sono iniziate alle 22.30 con Balloween, la milonga in maschera che ha proseguito fino al mattino. Ha concluso il concerto l’esibizione di danza folcloristica argentina

“Nell’Oscurità una musica ancestrale, dolce e malinconica come una zamba”.